fbpx
esercizio fisico, cancro al seno e fragilità ossea 1

esercizio fisico, cancro al seno e fragilità ossea 1

L’esercizio fisico è una potente arma che riesce a limitare molti degli effetti più invalidanti del cancro al seno. In particolare, specifici allenamenti possono contrastare la riduzione di densità ossea nelle donne, una pericolosa conseguenza del cancro al seno che causa fratture ossee o rischio di osteoporosi.

Il cancro al seno e l’esercizio fisico

Il cancro al seno è uno dei tumori più frequenti nelle donne e, per questo, uno dei più studiati e per il quale sono state sviluppate terapie molto efficaci. Sebbene si possa parlare di un singolo tumore che colpisce il seno, sempre più evidenze scientifiche mostrano come il cancro alla mammella sia una patologia complessa, che racchiude vari sottotipi patologici. Questi si differenziano per caratteristiche molecolari intrinseche delle cellule tumorali e per la loro aggressività. Lo studio dettagliato dei vari tipi di tumore al seno che affliggono le donne ha permesso lo sviluppo di terapie sempre più all’avanguardia, che sfruttano le caratteristiche delle cellule tumorali come fossero debolezze. In questo modo, è stato possibile sviluppare trattamenti sempre più efficaci e con meno effetti collaterali (Samadi et al., 2018).

Nonostante il tumore al seno sia suddiviso in molte sottoclassi, tutte condividono effetti invalidanti sul fisico e la salute delle donne con questa malattia. Inoltre, anche le terapie che vengono utilizzate per combattere le cellule tumorali molto spesso possono indurre degli effetti indesiderati che riducono la qualità della vita delle donne. Per contrastare tali problematiche, si possono utilizzare molti trattamenti ausiliari, tra cui l’esercizio fisico, che è uno dei principali.

Grazie all’esercizio fisico è stato osservato un miglioramento della vita delle donne affette dal tumore al seno con una conseguente riduzione della comparsa di patologie associate ad esso, come malattie cardiovascolari o osteoporosi. Inoltre, si è osservato anche un migliorando della salute fisica e mentale ed un aumento della possibilità di sopravvivenza (Singh et al. 2018).

esercizio fisico, cancro al seno e fragilità ossea 2

Esercizio fisico vs. fragilità ossea

Grazie ai suoi effetti positivi sulla qualità della vita, l’esercizio fisico sta entrando a far parte dei trattamenti per le donne con tumore al seno. In particolare, l’esercizio fisico può essere un alleato prezioso per la lotta al cancro al seno per la sua capacità di aumentare la densità ossea. Infatti, le pazienti con tumore alla mammella sono soggette ad una maggiore fragilità ossea, sia a causa di alcune terapie prescritte per combattere un particolare tipo di tumore (Grossmann et al. 2018) sia per meccanismi patologici innescati dal tumore stesso in uno stadio avanzato, che alterano l’equilibrio tra riassorbimento e deposizione di tessuto osseo nell’organismo a favore di un eccessivo riassorbimento (Le Pape et al. 2016). Ciò si traduce in una perdita di tessuto osseo con conseguente fragilità ossea.

Recenti studi scientifici hanno dimostrato come le pazienti che svolgono esercizio fisico presentano una migliore densità ossea con un conseguente ridotto rischio di osteoporosi e fratture ossee. Come risultato si ha un enorme miglioramento della qualità della vita della donna (Nikander et al. 2012).

esercizio fisico, cancro al seno e fragilità ossea 3

La chiave: affidarsi ad uno specialista

Fare attività fisica sembra essere un’ottima soluzione per combattere questo aspetto invalidante della malattia, con un numero sempre crescente di articoli scientifici che lo confermano. Ma, se da un lato bisogna “allenarsi contro il cancro”, dall’altro la ricerca recente potrebbe confondere una paziente nello scegliere il corretto tipo di allenamento (Nikander et al., 2012; Saarto et al., 2011; Peppone et al., 2018; Singh et al., 2018). Infatti, gli allenamenti non sono tutti uguali e la scelta si deve basare su molteplici fattori come, per esempio, lo stadio della malattia, gli effetti indesiderati manifestati nella donna, stato di salute generale, età, livello di forma fisica, preferenze della persona, e così via.

Risulta, quindi, essenziale affidarsi ad esperti nel settore dell’attività fisica che sappiano individualizzare e personalizzare il piano di allenamento per ciascuna donna con cancro al seno, massimizzando i benefici connessi all’attività fisica, uno strumento tanto efficace quanto semplice e divertente. E l’obiettivo di NEMO è proprio questo.

Marco Bertin ©

Bibliografia

  • Grossmann, M., Ramchand, S. K., Milat, F., Vincent, A., Lim, E., Kotowicz, M. A., … Teede, H. (2018). Assessment and management of bone health in women with oestrogen receptor-positive breast cancer receiving endocrine therapy: Position statement of the Endocrine Society of Australia, the Australian and New Zealand Bone & Mineral Society, the Australasian Menopause Society and the Clinical Oncology Society of Australia. Clinical Endocrinology, 89(3), 280-296.
  • Le Pape, F., Vargas, G., & Clézardin, P. (2016). The role of osteoclasts in breast cancer bone metastasis. Journal of Bone Oncology, 5(3), 93-95.
  • Nikander, R., Sievänen, H., Ojala, K., Kellokumpu-Lehtinen, P-L., Palva, T., Blomqvist, C., … Saarto, T. (2012). Effect of exercise on bone structural traits, physical performance and body composition in breast cancer patients -A 12-month RCT. Journal of Musculoskeletal and Neuronal Interactions, 12(3), 127-135.
  • Peppone, L. J., Ling, M., Huston, A. J., Reid, M. E., Janelsins, M. C., Puzas, J. E., … Mustian K. M. (2018). The effects of high-dose calcitriol and individualized exercise on bone metabolism in breast cancer survivors on hormonal therapy: a phase II feasibility trial. Supportive Care in Cancer, 26(8), 2675-2683.
  • Saarto, T., Sievänen, H., Kellokumpu-Lehtinen, P., Nikander, R., Vehmanen, L., Huovinen, R., … Blomqvist, C. (2011). Effect of supervised and home exercise training on bone mineral density among breast cancer patients. A 12-month randomised controlled trial. Osteoporosis International, 23(5), 1601–1612.
  • Samadi, P., Saki, S., Dermani, F.K., Pourjafar M., Saidijam M. (2018). Emerging ways to treat breast cancer: will promises be met? Cellular Oncology, 1–17.
  • Singh, B., Spence, R.R., Steele, M.L., Sandler, C.X., Peake, J.M., Hayes S.C. (2018). Sistematic review and meta-analysis of the safety, feasibility and effect of exercise in women with stage II+ breast cancer. Archives of Physical Medicine and Rehabilitation. In Press.

Categorie:

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *